Innovati per… Il tuo negozio!

Prima di tutto voglio fare una premessa ben precisa: questo non è un articolo per promuovere corsi di formazione ed insegnarti il tuo mestiere, sia ben chiaro. Questo articolo è rivolto ad esercenti professionisti con esperienza che sanno accogliere e gestire un cliente, allestire una vetrina, arredare gli spazi interni ecc ma che hanno bisogno di quel salto di qualità per uscire magari da una crisi momentanea o migliorare nettamente il proprio fatturato, grazie e soprattutto ad alcuni strumenti e strategie di innovazione tecnologica accessibili a tutti, con i quali insegno a performare ed a lavorare nella quotidianità.

Se sei un negoziante o hai un’attività di vendita al dettaglio probabilmente stai commettendo almeno uno dei seguenti 3 ERRORI:

  1. Non profili i tuoi “contatti”. Nel senso che non stai creando un elenco con i dati per contattare i visitatori del tuo negozio o i tuoi clienti. Mi spiego meglio: per ogni persona che entra nel tuo negozio, a prescindere se comprerà o meno, DEVI poter acquisire delle informazioni per ricontattare quella persona e per catalogarla in base ad una serie di caratteristiche.
  2. Non hai un “prodotto/servizio di chiusura”. Qualsiasi cosa tu debba vendere ad un cliente DEVI AVERE un prodotto o servizio da offrire in più alla fine (chiusura) del tuo processo di vendita. Questo prodotto o servizio, oltre a farti aumentare il fatturato, deve poter avvalorare la vendita creando ulteriore soddisfazione ed emozione nel cliente e soprattutto LA VOGLIA DI RITORNARE al più presto possibile per comprare di nuovo nel tuo negozio.
  3. Non hai un “controllo di gestione”. Ecco, se non hai la più pallida idea di cosa sia il controllo di gestione continua a leggere attentamente. Non conta il tuo settore merceologico, se vendi prodotti o servizi, alimentari o no poco importa, se sei un negoziante o uno store manager piuttosto che ricoprire un ruolo che ha accesso ai dati contabili del negozio e può prendere decisioni strategiche, DEVI poter raccogliere le informazioni della tua attività e poterle catalogare, classificare ed analizzare attraverso un sistema che ti possa permettere di avere sempre TUTTI I NUMERI SOTTO CONTROLLO.

Ma iniziamo ad argomentare questi errori uno per uno. Se mi segui da un po’ saprai che ci tengo spesso a precisare che la cosa più importante per un’attività è AVERE CLIENTI! Quindi, questa regola vale anche e soprattutto se hai un negozio. Ma il cliente va inteso non solo come un fine ma anche come un mezzo per ottenere referenze di qualità.

Errore N. 1: Non profili i tuoi “contatti”. Esistono strumenti di innovazione tecnologica che possono aiutarti nella profilazione di tutti i tuoi contatti giornalieri. Chi entra nel tuo negozio, anche se alla fine non compra nulla, deve poter sempre uscire con qualcosa di tuo, un tuo “piacevole ricordo” (che non deve essere il banale ed obsoleto biglietto da visita…) con il quale poterti contattare successivamente attraverso la tua pagina social aziendale o attraverso il tuo blog. In questa fase devi parallelamente acquisire i suoi dati come l’email, il numero di telefono o il profilo social in modo da poterlo inserire in una “strategia di gentile assedio”.

Ma cosa è una strategia di gentile assedio? Una strategia di gentile assedio non è altro che un insieme di strumenti ed azioni che, grazie all’uso di tecnologie specifiche, ti permettono di “educare” il potenziale cliente a distanza fino ad innamorarsi del tuo personal brand, cioè di cosa fai e come lo fai. In questo modo, oltre a generare nuovi clienti in target, il tuo sistema sarà in grado di generare FAN che funzioneranno come forte veicolo pubblicitario verso la propria cerchia di influenza.

Errore N. 2: Non hai un “prodotto/servizio di chiusura”. Ogni volta che concludi una vendita devi poter inserire un prodotto o servizio in aggiunta a quello che hai venduto, che possa fornire del valore in più e che possa andare bene con tutto. Per il cliente questo prodotto o servizio deve essere come le perle di cioccolato sulla torta, come le patatine di McDonald’s, insomma deve poter creare quell’emozione in più che resta nella testa dei clienti e li invogli a ritornare e a condividere la bella esperienza con più persone possibili.

Potresti utilizzare dei gadget tecnologici brandizzati studiati specificatamente per il tuo prodotto o servizio. Negli anni ho consolidato delle partnership con aziende affidabili che possono realizzare in tempi molto brevi qualsiasi cosa tu voglia, partendo dal tuo concetto di business, e personalizzarla per essere in linea con le tue preferenze.

Errore N. 3: Non hai un “controllo di gestione”. Saper leggere i numeri della propria attività è ciò che ogni imprenditore dovrebbe saper fare ma per farlo al meglio bisogna catalogare questi dati in un sistema di gestione informatizzato, leggibile e di facile comprensione. Un controllo di gestione permette di creare con precisione obiettivi fattibili e di monitorare tutti i passi necessari al raggiungimento degli stessi per poi raggiungerli e crearne degli altri. Permette anche di capire i casi in cui non si riescano a raggiungere determinati scopi permettendo di intervenire tempestivamente ed efficacemente nella risoluzione di tutti i problemi. Il controllo di gestione deve essere accessibile da remoto ed in mobilità per permetterti di lavorare a distanza senza essere presente fisicamente nel negozio.

Inoltre deve poterti dare la possibilità di strutturare dei centri di costo affinché tu possa valutare l’efficacia di ogni tuo investimento nelle varie tipologie di prodotti o servizi presenti nel tuo negozio. In questo modo eviterai eventuali perdite di denaro non giustificate; quanto comprare e a quanto vendere, sono aspetti che risultano molto più chiari grazie ad un buon controllo di gestione. Dal controllo di gestione di alcuni miei clienti è emerso, per esempio, che il ri-assortimento, strategia utilizzata da parecchi negozi e catene mono marca, spesso risulta inefficace riducendo drasticamente il fatturato.

Se sei curioso di come potresti migliorare il tuo negozio attraverso la tecnologia, prenota subito la tua consulenza gratuita cliccando QUI o lascia un commento argomentando la tua attività e, mi raccomando… Lasciati innovare!

Andrea Deias

Appassionato e malato cronico di tecnologia

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.